Castello Reale di Sarre

La residenza di caccia dei primi Re d'Italia che racconta la storia di Casa Savoia e il suo legame privilegiato con la Valle d'Aosta.

Castello di Sarre dalla strada

Galleria dei trofei

Sala dei trofei

Visitare il castello di Sarre significa fare un piccolo salto indietro nel tempo e ritrovarsi nel momento in cui il Re cacciatore Vittorio Emanuele II di Savoia inglobò il maniero nel suo patrimonio privato. Il castello divenne un confortevole rifugio e quartier generale per le spedizioni venatorie che il Re intraprendeva nelle vallate di Cogne, Rhêmes e Valsavarenche, ora territori del Parco nazionale del Gran Paradiso. Non solo il primo Re d’Italia ma anche i suoi successori, e le rispettive consorti, soggiornarono a Sarre che, con il passare degli anni, perse la sua primaria funzione per trasformarsi in una regale dimora di villeggiatura.

Le guide di AostaWelcome vi faranno conoscere la famiglia Savoia accompagnandovi nella galleria d’accoglienza dove sono esposti ritratti e sculture raffiguranti gli esponenti della dinastia. Salendo ai piani nobili vi immergerete nella dimensione abitativa dell’epoca di Umberto I, gironzolando per le sale del castello si avrà la sensazione di veder apparire il Re in persona, o di vedere la Regina inginocchiata a pregare. Come non meravigliarsi di fronte alle originali decorazioni della Galleria e del Salone ornati da trofei di caccia di stambecco e di camoscio. Quadri e opere d’arte importanti impreziosiscono ulteriormente questo castello: uno tra tutti il capolavori di Antonio Fontanesi, Altacomba - La fontana delle meraviglie.

La visita guidata al Castello con il team AostaWelcome può essere ulteriormente arricchita dalla Chiesa parrocchiale di San Maurizio a Sarre, edificio che al suo interno, nell’abside, custodisce alcuni importanti affreschi che risalgono al XV secolo. E’ inoltre possibile accedere all’adiacente mostra permanente di arte sacra.

Perché non concludere la giornata con una piccola tappa enogastronomia in una delle tante cantine e aziende della Regione, magari proprio presso il Feudo di San Maurizio, piccola azienda vinicola di Sarre a pochi passi dal centro del paese dove le guide di AostaWelcome vi faranno conoscere anche i prodotti tipici e le specialità valdostane.

Prenota la tua visita con le guide di Aosta Welcome

Torna su